IL LAVORO INTERINALE IN OLANDA

Il lavoro interinale (UITZENDWERK o UITZENDKRACHT in Olandese) è un contratto che consente alle imprese di utilizzare i lavoratori assunti da apposite agenzie.

Un lavoratore temporaneo o interinale (derivato dall'espressione latina ad interim che significa "per il momento") è un dipendente che è assunto da un'agenzia di collocamento, viene inviato ai clienti delle stesse affinché lavori presso di loro.

Il contratto interinale è una particolare forma di lavoro caratterizzata dalla presenza di tre soggetti coinvolti nel rapporto: l’Agenzia interinale, il lavoratore, l’azienda utilizzatrice. Il lavoratore viene assunto dall’Agenzia interinale che provvede a somministrarlo (cioè a metterlo a disposizione) per un determinato periodo di tempo ad un’impresa che ne fa richiesta.


Approfondiamo la tematica del lavoro interinale.

Il contratto interinale è stato introdotto in Olanda per consentire un impiego flessibile dei lavoratori. Definito anche contratto di lavoro in affitto, in quanto consente di “affittare” i lavoratori all’impresa che ne faccia richiesta, la somministrazione può essere effettuata soltanto da soggetti autorizzati (le Agenzie interinali), sia a tempo determinato che a tempo indeterminato; tali Agenzie svolgono anche attività di intermediazione, cioè di collocamento, così come altre attività, quali la ricerca e la selezione del personale.


Stipendio e altri diritti

Si potrebbe pensare che il lavoratore interinale percepisca meno di un normale dipendente. Non è così: chi è assunto con questo tipo di contratto, ha diritto ad una retribuzione identica a coloro che sono effettivamente assunti come dipendenti dall’utilizzatrice. Oltre a ciò, va aggiunta, per coloro che sono assunti a tempo indeterminato, l’indennità di disponibilità (chiaramente di importo inferiore al normale stipendio) per i periodi di inattività mentre, per coloro che beneficiano soltanto di un contratto a tempo determinato, un’ indennità di disoccupazione allo scadere del rapporto. Durante il periodo di lavoro, infine, si ha diritto ai normali servizi sociali e assistenziali che spettano a tutti gli altri dipendenti.


Dichiarazione delle ore lavorate

Un lavoratore temporaneo in Olanda riceve le cosiddette schede temporali dall'agenzia di lavoro temporaneo. L’utilizzo di queste schede (digitali o non) serve a controllare e dichiarare controllare le ore di lavoro effettive effettuate di volta in volta. La nota indica il numero di ore in cui il lavoratore temporaneo ha lavorato in quel periodo (settimana o mese) e sulla base di queste riceverà il pagamento.


Conversione in contratto a tempo indeterminato

Per legge, è stabilito che ogni dipendente abbia un contratto a tempo indeterminato dopo il quarto contratto temporaneo. I dipendenti che sono stati assunti per la prima volta tramite un'agenzia di collocamento quindi, lavorano spesso con questa prospettiva.


Rischi per questo tipo di contratto

Spesso, qualora non specificato chiaramente alla firma del contratto, si firma un documento che si, garantisce un lavoro, ma non ne garantisce le ore per cui si verrà chiamati.

Questo può significare che pur essendo legati ad un datore di lavoro, le prospettive di guadagno siano molto minori rispetto alle vostre aspettative semplicemente perché si viene chiamati per molte meno ore, e quindi pagati di conseguenza meno.


Cosa fare, come controllare, e sopratutto cosa chiedere

La preferenza naturalmente va ai contratti diretti con il datore di lavoro, ma bisogna aggiungere che per cominciare ad “atterrare” in Olanda un lavoro interinale garantisce comunque un’ottima occasione ed una flessibilità estrema per chi volesse farne uso, tuttavia, controllate sempre contrattualmente quante ore settimanali vengono “garantite”.

A noi (Lavorare in Olanda) capita spesso di pubblicare offerte di lavoro di vario tipo: interinali o dirette con il datore di lavoro. Nelle nostre offerte di lavoro, troverete sempre specificato (a differenza delle offerte che siete abituati a vedere in Italia) tutto: ore, paga, condizioni etc.


Quanto potresti guadagnare fuori da un’agenzia interinale

Prima di tutto, mettetevi seduti; quello che infatti sto per dirvi vi sembrerà strano ma è la realtà legalizzata in Olanda (e peggio ancora in Italia).

Prendiamo come esempio un muratore specializzato al quale viene mediamente corrisposta una paga oraria lorda di €14; in realtà il datore di lavoro (il costruttore per capirci) paga all’agenzia di lavoro circa €28 per una tua ora di lavoro; la differenza tra queste due somme va all’agenzia interinale.

Esistono infatti in Olanda delle cosiddette percentuali di licenziamento per questi calcoli e per il settore edilizio si applica una delle più alte (1,9).

Nel caso che il costruttore, comunque, fosse contento di te e tu ti rendessi “indispensabile” per il suo team, potresti proporgli di prenderti a lavorare aprendoti una partita IVA (ZZP) cosa in Olanda molto comune per la quale molte agenzie (tra cui la nostra) offrono servizi di amministrazione. Ciò significherebbe che saresti in grado di sganciarti dall’agenzia, guadagnare di più, e far contemporaneamente risparmiare il costruttore rendendo la tua persona molto più professionalmente “attrattiva”.

L’esempio si applica anche per altri settori con percentuali applicabili genericamente minori rispetto a quelle dell’edilizia.